LA BELLE SAISON - Queer Vision 5 - 18.4.2017

La Belle Saison
Regia: Catherine Corsini
Anno: 2015 
Paese: FRANCIA

Martedi 18 Aprile 2017 

alle ore 20:30
Multisala Rivoli 

Piazza Brà, 10 - Verona


La rassegna si conclude il 18 aprile con “La Belle Saison” di Catherine Corsini (2015), in versione originale con sottotitoli, che illustra la storia d'amore fra Carole e Delphine, due giovani donne nella Parigi post-sessantottina, sullo sfondo del Movimento di Liberazione Femminile.


SCHEDA:
Siamo nel 1971. Delphine, figlia di una famiglia contadini, ha sempre saputo di essere omosessuale, ed ha avuto qualche storia segreta. Adesso che il femminismo e la ‘rivoluzione’ avanzano, almeno a Parigi, decide di trasferirsi nella grande città, alla ricerca dell’indipendenza, sia famigliare che economica (magari organizzandosi per mettere in piedi una sua azienda, cosa difficile a quei tempi per una donna), e soprattutto della libertà sessuale. Qui incontra Carole, un’attivista dell’FML, movimento in lotta contro la supremazia del patriarcato, fidanzata con Manuel, che rimane però subito colpita e turbata da Delphine. Carole si ritiene infatti etero e non ha mai pensato di poter amare le donne. Ma l’attrazione tra le due donne è irresistibile ed esplode in breve tempo… Una storia d’amore che dovrà fare i conti con la realtà, un film definito il Brokeback Mountain lesbico, che si presenta diviso in due parti, nella prima ci viene mostrato l’ambiente dei movimenti di liberazione femminili (che alcuni danno come promotori della liberazione omosessuale) dove nasce e si sviluppa l’amore tra le due donne, solare e forte dello spirito di lotta e di solidarietà che le circonda, dove ognuno crede che tutto sia possibile. La regista, qui al suo quarot film su tematiche LGBT (Les Amoureux ,1994; La Nouvelle Eve, 1999; e La Répétition, 2001), utilizza dialoghi edificanti con situazioni a volte picaresche (come la liberazione di un amico gay internato in un manicomio), per restituirci l’eccitazione di quegli anni. Nella seconda parte abbiamo il ritorno alla terra dove Delphine dovrà decidere tra una vita predestina o l’ignoto incarnato dalla sua passione d’amore. Partecipiamo alla sua sofferenza, che ricade pesantemente su Carole, e genera intense emozioni. Il film viene presentato in Piazza Grande al festival di Locarno 2015.